Web Analytics Per un anno ha deciso di vivere solo con l'essenziale, risparmiando ben 25mila euro. - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

30 aprile 2017

Per un anno ha deciso di vivere solo con l’essenziale, risparmiando ben 25mila euro.

Tra poco uscirà anche il suo libro: "L’anno senza acquisti: come ho speso meno e vissuto di più".

Michelle-cop-1

Lei è Michelle McGagh, una giornalista finanziaria: per un anno ha deciso di vivere solo con l’essenziale e così ha risparmiato ben 25mila euro, che ha potuto reinvestire nel mutuo della casa.
Quando nel 2013 suo marito comprò una nuova abitazione con un mutuo molto pesante si trovarono a vivere con un cantiere in casa e senza la maggior parte delle loro cose.

La giornalista, che aveva già affrontato un Buy Nothing Day (una giornata senza acquisti) si domandò se poteva gestirlo anche per un anno intero: fu così che nel giorno del Black Friday del 2015 si impegnò a non spendere nulla per un anno.

Per prima cosa si è data delle regole: pagare il mutuo, le utenze, l’assicurazione sulla vita e la banda larga con i costi della telefonia mobile. In più doveva anche acquistare articoli indispensabili come dentifricio, deodorante, sapone e shampoo, e prodotti per la pulizia della casa.
O
vviamente aveva anche bisogno di mangiare.: con il marito hanno allora impostato un budget settimanale per il cibo di circa 40 euro.

Per le cose non essenziali il budget era zero: nessun cinema, niente serate al pub, banditi il take-away e il ristorante, niente vestiti nuovi, via le iscrizioni alle palestre.
Anche per quanto riguarda i trasporti si è data un budget pari a zero. “Il che significa che sarei dovuta andare in bici ovunque”. 

Quando il 26 Novembre 2015 è così iniziata la sua sfida, il primo scoglio era superare le feste di Natale senza regali, e se nella teoria poteva anche essere una buona idea, nella realtà non è stato così semplice: “L’inverno è stata sicuramente la parte più dura, ero depressa”.

Arrivata l’estate si è concessa una vacanza con suo marito: niente volo o hotel, ma tenda, sacchi a pelo e pranzi a base di insalate di pasta. “Eravamo provati da centinaia di miglia in bici, ma è stata una delle mie vacanze preferite”.

Michelle non nega che le mancasse lo shopping, specialmente quello di vestiti. Molti dei suoi abiti erano rovinati dopo un anno di utilizzo. Ciononostante, quando il Black Friday 2016 è arrivato a porre fine alla sua sfida, la donna ha ammesso di non aver sentito alcun impulso a spendere e spandere. Al contrario, “Non dover più rispettare le regole che mi ero data mi rendeva nervosa, e alla fine ho preso solo gli abiti necessari a rimpiazzare quelli  logorati”.

Alla fine di tutto Michelle ha fatto due conti e il risultato è stato sorprendente: rinunciando a tutte le spese superflue ha risparmiato in un anno circa 25mila euro, che ha deciso di utilizzare per pagare in anticipo un pezzo del mutuo e sbarazzarsi così del proprio debito il prima possibile.

Dopo un anno vissuto low cost, Michelle ha riesaminato le proprie priorità di spesa e ha trovato un punto d’equilibrio: “Compro l’essenziale e metto da parte un po’ per le vacanze, le sere con gli amici e i divertimenti”.

Adesso Michelle uscirà con un libro in lingua inglese che parla della sua esperienza. Titolo: The no spend year: how i spent less and lived more (L’anno senza acquisti: come ho speso meno e vissuto di più).

 




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods