Web Analytics Non puoi viaggiare? Manda un peluche al posto tuo! - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

18 marzo 2016

Non puoi viaggiare? Manda un peluche al posto tuo!

Non è uno scherzo...un'agenzia propone viaggi in Giappone solo per peluches.

090415751-611f1866-5921-4fc9-9f8a-a0a3299dbd5d

E’ possibile andare in Giappone e visitarne le bellezze per un prezzo che va dai 20 ai 95 dollari, volo aereo compreso? Certamente, ma solo se sei un peluche!
L’idea è di una donna giapponese di 40 anni, Sonoe Azuma, che ha creato la Unagi Travel nel 2010 e da allora non le è mancato il lavoro: già oltre 500 sono i pupazzi che le sono stato recapitati.

Ecco come funziona: si sceglie il tipo di tour che si vuole fare (fra cui le terme, alcune località particolari, Tokyo ma anche un tour a sorpresa) e si spedisce il proprio pupazzo, che non può pesare più di 250 gr, per posta all’indirizzo dell’agenzia a Tokyo. A quel punto nel giro di una settimana lo si dovrebbe veder comparire sulla pagina Facebook dell’agenzia nelle fotografie scattate durante il tour: sorridente al bar, insieme ai nuovi amici conosciuti nel viaggio (peluche anche loro!), mentre sorseggia un tè, di fronte ad un antico tempio, in giro per la Tokyo moderna, a mangiare sushi e così via.

Il servizio si rivolge a chi, per motivi di età o salute, non può viaggiare e poi è certamente molto più economico di un viaggio in prima persona. Il proprietario del peluche riceve ogni giorno le foto del viaggio con relativa didascalia del luogo e dell’attività e alla fine un dvd ricordo. Così, oltre a divertirsi, può visitare il paese e sognare attraverso il viaggio del proprio pupazzo.
La proprietaria dell’agenzia racconta che una donna di 53 anni con un infortunio alla gamba ha ritrovato l’ispirazione per viaggiare e la voglia di curarsi dopo aver condiviso il tour del proprio peluche.

Che ne pensate? Solo un’idea bizzarra o un modo creativo per viaggiare “a distanza”?




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods