Web Analytics Groufies. Non chiamateli selfie di gruppo - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

25 luglio 2014

Groufies. Non chiamateli selfie di gruppo

Dalla notte degli Oscar, la nuova mania è la foto di gruppo

Groufies 1

In principio erano gli autoscatti, poi il nome si è evoluto in selfie. Quando a scattarsi una foto è un gruppo di persone, il termine esatto per definire questa pratica è groufies, ovvero selfie di gruppo.

Il più famoso, che forse ha dato inizio a questa nuova moda, è stato quello realizzato durante la serata degli Oscar di quest’anno tra tante le star: Ellen Degeneres, Julia Roberts, Jennifer Lawrence, Angelina Jolie, Meryl Streep, Lupita N’Yong, Jared Leto, Bradley Cooper, Kevin Spacey.

Considerata la foto più retwittata della storia, l’evento è stato immediatamente fiutato dai colossi della tecnologia come opportunità per incrementare le vendite. In Cina, ad esempio, è stato inventato un telefono cellulare dalle caratteristiche specifiche per realizzare groufies perfetti e per potere, allo stesso tempo, lanciare la sfida, per le prestazioni e prezzo conveniente, alle case concorrenti Samsung ed Apple.

Oggi vogliamo tutti condividere tutto, per questo qualunque posto diventa quello perfetto per un groufies. Come si dice, infatti, “più si è meglio è”. Ma vi siete mai chiesti quando sia stato scattato il primo selfie della storia? Pare risalga al 1839 da parte di Robert Cornelius, un pioniere della fotografia.

Ricordiamo anche Anastasia Nikolaevna, tredicenne granduchessa russa, che nel 1914 scattò il primo selfie allo specchio. Lei è stata una delle prime adolescenti a riprendere una fotografia di se stessa da mandare a un amico utilizzando uno specchio. Nella lettera che accompagna l’immagine scrisse: “Ho scattato questa fotografia di me stessa attraverso lo specchio. È stato molto difficile, dal momento che mi tremavano le mani”.

Nella gallery troverete alcuni dei groufies più famosi, compreso quello con Papa Francesco.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods