Web Analytics E' morto il fondatore di Playboy. Quando in copertina ci finì anche Alessandra Mussolini. - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

28 settembre 2017

E’ morto il fondatore di Playboy. Quando in copertina ci finì anche Alessandra Mussolini.

La gallery fotografica con alcune delle sue copertine più famose.

playboy-italia-3212

Addio al papà delle ‘conigliette’. Hugh Hefner, editore e fondatore di Playboy, è morto all’età di 91 anni nella sua villa di Beverly Hills a Los Angeles. La sua rivista ha segnato tutta la cultura pop occidentale, consegnando alla storia i primi nudi femminili in copertina.
A partire da quello di Marilyn Monroe, protagonista del primo numero del magazine, uscito nel dicembre del 1953. Allora attrice esordiente, fu lei a inaugurare la figura della playmate, la ‘coniglietta’, destinata a durare fino ai giorni nostri.

Playboy abbia cambiato il mondo dell’editoria e non solo, scuotendo l’America puritana e incarnando su carta la rivoluzione sessuale che ha attraversato la seconda metà del Novecento. Per questo criticato da molti, Hefner si fece interprete del ‘sogno’ edonistico di un’intera generazione e fu autore di una delle operazioni di marketing meglio riuscite.
Prima le foto patinate, poi i video, gli show, i gadget con al centro le conigliette sempre sorridenti. E poi c’era lui, nella sua ‘Playboy Mansion’, sempre presente, in vestaglia di seta e con l’inseparabile pipa.

Fu un boom editoriale. Nell’anno della sua nascita la tiratura della rivista raggiunse quasi le 200 mila copie. Si passò poi al milione in cinque anni. Negli anni ’70 la rivista veniva letta da sette milioni di lettori, mentre in edicola proliferavano le imitazioni.
Con l’avvento del web, Playboy ha stentato a reggere la competizione. Le copie sono scese a meno di tre milioni, fino alla decisione, nel 2015, di smettere con il nudo. Non aveva più senso pubblicare su carta cioò che gli uomini trovavano gratis, in forma ‘animata’, e con la fatica di un solo clic, in Rete. E per l’occasione era tornata a posare senza veli Pamela Anderson.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods