Web Analytics Chips: come fare in casa le patatine più buone di quelle in busta - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

07 maggio 2015

Chips: come fare in casa le patatine più buone di quelle in busta

Ricette facili per soddisfare la sfrenata voglia di patatine, non solo fritte ma anche cotte al forno

Chips fritte

Amate in tutto il mondo, le care e vecchie chips, ovvero le classiche patitine fritte in busta, furono inventate da George Crum, un cuoco americano di origini indiane.

Si narra che un cliente molto esigente, rimandò indietro per più di tre volte un piatto di patate fritte, lamentandosi della poca croccantezza. Il cuoco, stanco delle continue lamentele, tagliò le patate in maniera così sottile, da renderle talmente friabili da non poterle mangiare con la forchetta. Il cliente ne fu entusiasta e da allora il locale divenne famoso per quel piatto semplice e prelibato.

Diciamo tutti grazie a George per la sua invenzione, tanto sfiziosa quanto calorica, ma alla quale ormai da moltissimi anni, non riusciamo a rinunciare.

Come fare quindi per evitare i soliti sacchetti con chips pronte e farle con le nostre mani?

Ci sono molti modi: frittura, cottura al forno e persino al microonde.

Le fritte
La prima ricetta è la variante classica e meno leggera. Il trucco è uno solo: tagliare fette di patata sottilissime. Alcuni le pelano, altri non le sbucciano, quindi per questa fase procedete a piacere. Aiutatevi con una mandolina, o la classica grattugia.

Immergete le fettine di patate in acqua per togliere l’amido, passaggio importante per non rischiare di farle attaccare l’una con l’altra. Disponetele in fila su un canovaccio pulito e asciugatele accuratamente. Preparate l’olio per la frittura,  il wok sarà il vostro perfetto alleato.

Immergete le patate per pochi minuti fino a farle dorare, e scolatele su un foglio di carta assorbente. A questo punto potrete metterle in un sacchetto e salarle a piacere, oppure, per i più golosi, potrete aggiungere delle spezie quali paprika e curry. Il risultato sarà eccellente.

Al forno
Seguite gli passaggi iniziali indicati sopra per la variante fritta e, dopo aver asciugato le vostre fette, disponetele sulla griglia o in una teglia con carta da forno, una ad una. Cuocete in forno a circa 150° gradi in modalità ventilata. La variante interessante di questa ricetta è che si possono cuocere anche senza l’aggiunta di grassi. Ma, se volete conferire alle vostre chips quel gusto in più, basterà spennellarle con dell’olio, magari aromatizzato alle spezie o alle erbe.

Al microonde
Per chi vuole una ricetta light e veloce, senza rinunciare alla soddisfazione di sgranocchiare delle chips, questa variante è perfetta. Vi servirà uno strumento inventato apposta per dividere le fette, in modo tale che non si attacchino. Lo trovate online e nei negozi di articoli per la casa.

Divisore per chips al microonde

Divisore per chips al microonde

 

Mettete il microonde a livello massimo per circa 6 minuti, o per 4 minuti a 800-850 Wat. Dopo la cottura, trasferite le patate in una busta e salatele a piacere. Un ottimo risultato senza l’aggiunta di grassi, anche se il piacere di ungersi le dita assaporando patatine non ha paragoni.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi commenti

1 commento
  1. Maurizio 3 novembre 2014 alle 6:41

    Grazie ne farò tesoro.

    Rispondi

hot moods