Web Analytics Sedici anni dopo la tragedia, arriva l'erede del Concorde: da Londra a New York con un'ora di volo. - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

18 dicembre 2016

Sedici anni dopo la tragedia, arriva l’erede del Concorde: da Londra a New York con un’ora di volo.

Hyperjet: l'aereo ipersonico già ribattezzato "Concorde 2".

20120814_300px-x-51a_waverider

Sono passati più di 16 anni da quando un sogno dell’aviazione si è spento in un tragico incidente. Era il 25 luglio del 2000 quando un Concorde dell’Air France, decollato da Parigi e diretto a New York, si schiantò poco dopo il decollo dall’aeroporto Roissy.
113 i morti. Una parte dell’aereo è finita su un albergo: le vittime furono i 100 passeggeri, i 9 membri dell’equipaggio e altre 4 persone a terra.
Quell’estate del 2000 fu una tragedia ma forse non la fine di un sogno, quello di volare da Londra e da Parigi a New York in sole tre ore e mezzo.

E’ infatti allo studio un aereo ipersonico in grado di volare da Londra a New York in appena un’ora e da Parigi a Tokyo in 3 ore, destinato inizialmente alla movimentazione di sensori e apparecchiature militari, poi al trasporto passeggeri (al massimo 20 persone per ogni tratta). La novità è stata anticipata dai vertici dell’Air Force e potrebbe diventare realtà non più tardi del 2023.

Il colosso aeronautico Airbus ha infatti depositato la scorsa estate un brevetto per un Ultra-Rapid Air Vehicle, un aereo supersonico che potrà sfrecciare nei cieli sull’oceano ad una velocità pari a 4,5 volte quella del suono.

La stampa britannica fornisce alcuni dettagli del velivolo già battezzato Concorde 2: avrà sia motori jet standard che un motore alimentato da un mix di ossigeno e idrogeno. I primi serviranno per il decollo, gli altri per “sparare” il supersonico aereo con un’elevazione inizialmente da vero e proprio razzo, in verticale, fino alla rotta di crociera a oltre trenta chilometri di altitutine, quando entreranno in attività i cosiddetti “ramjet”, per arrivare alla velocità massima di 4,5 “mach”, ovvero quasi 5.500 km orari.

 

 

 




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods