Web Analytics Murakami Haruki: amicizia e felicità ne "L'incolore Tazaki Tsukuru" - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

26 luglio 2014

Murakami Haruki: amicizia e felicità ne “L’incolore Tazaki Tsukuru”

La storia di un'amicizia tradita porterà il protagonista, a distanza di 16 anni, alla ricerca della verità e a qualcosa che forse non avrebbe mai voluto scoprire

Murakami Haruki

Tazaki Tsukuru ha 36 anni, una vita normale, ordinaria, tranquilla. All’apparenza. Perché dentro nasconde una sofferenza e un dolore sospesi cui non sa dare una risposta. Qualcosa accaduto oltre dieci anni prima lo tormenta. Tra i 16 e i 20 anni Tazaki aveva un gruppo di amici, tre maschi e due femmine, erano molto affiatati, la loro era un’amicizia pura, si potrebbe dire perfetta. Un giorno, però, Tsukuru riceve una telefonata dagli altri che decidono di chiudere il rapporto. Senza nessuna spiegazione, gli ordinano di non cercarli più. E il mondo di Tazaki crolla.

Un abbandono che è al centro del romanzo di Murakami HarukiL’incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio. A 36 anni il protagonista decide di scoprire il motivo di quella crudele decisione e si mette alla ricerca della verità perché capisce che se non risolve il passato non può andare avanti. Ricerca che lo porterà a un’altra storia, quella della morte di Shiro, un tempo membro del gruppo, vittima di un omicidio ancora irrisolto.

È una storia di misteri irrisolti, interrogativi inquietanti e amicizia tradita. Un dipanarsi fluido della storia e una scrittura solida rendono questo romanzo uno dei migliori usciti negli ultimi mesi e sicuramente un capolavoro da aggiungere alla bibliografia di questo scrittore, già autore di Norwegian Wood, Kafka sulla spiaggia, 1Q84 e traduttore in giapponese di autori americani quali Fitzgerald, Salinger e Carver.

Rispetto ad altri suoi libri, forse in quest’ultimo la matrice realistica è maggiore, ma comunque l’elemento onirico svolge, come al solito, un ruolo fondamentale. Non resta che goderselo in attesa del prossimo romanzo.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods