Web Analytics "Il maestro delle ombre", il nuovo thriller di Donato Carrisi. - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

01 dicembre 2016

“Il maestro delle ombre”, il nuovo thriller di Donato Carrisi.

L'autore italiano di thriller più venduto all'estero.

Carrisi-il-maestro-delle-ombre-3d

Il mio paradiso è stato Il suggeritore di Donato CarrisiKen Follett
-Un concentrato purissimo di tensione, rischio e curiosità. Un lavoro eccellente, Michael Connelly
-Un’altra straordinaria prova del genio del male, Sergio Pent, TTL la Stampa
-Non capita spesso che i nostri scrittori di thriller siano esportati all’estero. Donato Carrisi è uno dei pochi, Brunella Schisa, il venerdì di Repubblica

Così si presenta il nuovo romanzo di Donato Carrisi, Il maestro delle ombre, in tutte le librerie dal 2 dicembre 2016.
Ecco la trama del libro.
1511. Papa Leone X emana una bolla: Roma non dovrà mai rimanere al buio. Per secoli storici e teologi si interrogano sulle ragioni di questo divieto.
23 febbraio 2015. Un temporale si abbatte su Roma causando per la prima volta nella storia un blackout totale.
Un nuovo mostro inizia ad aggirarsi nelle strade della città.
Fu il primo dei tribunali della Curia romana ecclesiastica, ed è istituito per le questioni di coscienza. Le sue origini risalgono al XIII secolo, quando per autorità di Innocenzo IV i penitenzieri di Roma si costituirono in collegio sotto la presidenza di un cardinale. Il suo potere giurisdizionale variò secondo i tempi, ma è certo che la Penitenziaria si sia occupata e continui a occuparsi di cose oscure, indicibili e pericolose. Come fu in epoca controriformista per le suppliche dei condannati a morte per stregoneria. La Santa Penitenzieria Apostolica è anche conosciuta come: il tribunale delle anime. È qui che Bene e Male giocano la loro partita con il destino degli uomini. Il tribunale infatti si occupa dell’archivio criminale più imponente che esista al mondo, quello delle confessioni dei peccati più gravi. È per questo che esistono i penitenzieri: sono loro la presenza segreta su molte scene del crimine, sono loro alla costante ricerca di ciò che l’occhio di un semplice detective non può scorgere. Un’anomalia.


Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *




hot moods