Web Analytics Alfa Nero: lo yacht al massimo - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

18 giugno 2014

Alfa Nero: lo yacht al massimo

Ecco come navigano quelli che contano davvero

Alfa Nero

Alfa Nero” non è un modello dell’Alfa Romeo. E non è neanche alla serie di barche a vela di Neville Crichton, distributore in Nuova Zelanda della casa di Arese e, ormai, un pezzo di leggenda delle regate del Pacifico (TransPac e Sidney-Hobbart tra le altre). Eppure, non siamo così lontani: di mare si tratta, anche se dobbiamo spostarci in Olanda e parlare di barche a motore.

“Alfa nero”, infatti, è uno yacht varato nel 2007 dal cantiere Oceanco e non è una barca esattamente alla portata di tutti: il suo prezzo nel 2009, era di 190 milioni di dollari, più o meno il Pil della Repubblica Ceca. Eppure, vale ogni centesimo di quella cifra autenticamente da capogiro, dal momento che, secondo la stampa di settore, da quando è stato varato ha imposto un nuovo standard nel design di questo tipo di navi.

I numeri parlano di uno yacht lungo 82 metri. Ha 26 persone di equipaggio che si occupano di 12 ospiti. A poppa ci sono un eliporto, una pista da ballo e una piscina che condividono la stessa metratura. Basta un pulsante e un meccanismo idraulico si occupa della trasformazione in pochi minuti. Non solo, a bordo ci sono anche un cinema e un salone di bellezza.

La nave batte bandiera delle Cayman. È stata disegnata in Italia, nei dintorni di Venezia, dalla firma “Nuvolari & Lenard”. Ma di italiano c’è solo il progetto, visto che gli interni sono opera del designer di origine argentina, ma nato a Casablanca, in Marocco, e operante a Parigi, Alberto Pinto.

La geografia del progetto riflette alla perfezione quello del proprio target commerciale: cosmopolita, sfacciatamente ricco e alla moda. Talmente alla moda che, nel 2013, dopo sei anni in mare, l’imbarcazione è stata aggiornata, nel Sud della Francia in vista delle crociere invernali nei Caraibi.

La proprietà è della Caribbean luxury yacht charters, società che affitta barche di lusso letteralmente a peso d’oro. Le crociere dello scorso inverno avevano tariffe da capogiro: 840mila dollari a settimana. Grosso modo 70mila dollari a passeggero, più o meno quanto una Ferrari di seconda mano.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods