Web Analytics Randi Ingerman compie 50 anni: gioie e dolori di una vita forse troppo intensa. - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

16 novembre 2017

Randi Ingerman compie 50 anni: gioie e dolori di una vita forse troppo intensa.

Dal sentirsi sul tetto del mondo ai lutti familiari.

La-rinascita-di-Randi-ingerman-638x425

Randi Ingerman compie 50 anni; la showgirl, divenuta famosa in Italia per uno spot e un calendario mozzafiato racconta  le gioie di una carriera fulminante, ma anche i dolori di una vita vissuta intensamente.

Fino ai 40 anni”, svela, “mi sono sentita sul tetto del mondo. Ero sana, bellissima e innamorata. Qualche tempo dopo, mi sono ritrovata imbottita di medicinali, in preda alle paranoie, sola e costretta a stare in casa”. Tutta colpa delle crisi epilettiche: il primo caso nel 2006, mentre partecipava al reality La Fattoria.

Una vita che ha attraversato grandi dolori, quella di Randi Ingerman: la morte del padre, quella del fratello per overdose di antidepressivi, quella della nipotina allattata da una madre tossicodipendente e i suoi gravi problemi di salute.

In più, oggi ho Qualche capello bianco, e un pezzetto di saggezza. In meno, Molti amici, mio fratello, la mia nipotina, la possibilità di diventare mamma, dopo tre aborti spontanei. Ho sofferto, ho pianto, ma alla fine ho accettato il mio destino. Dio vuole qualcos’altro per me. Non un figlio, ma la possibilità di aiutare altri bambini”.

Randi Ingerman racconta anche di quando era una delle donne più desiderate d’Italia. Senza troppe gioie, però: “Era terribile”, dice a Vanity Fair. “Ho ricevuto almeno sei proposte indecenti dagli uomini più potenti in Italia. Mi offrivano palazzi, weekend romantici a Parigi… una volta un principe arabo voleva “affittare” me, americana ebrea”.

E oggi, com’è la vita a 50 anni? “Mi alzo ogni giorno e cerco una piccola gioia. Anche per un tramonto, ne vale la pena”, conclude Randi Ingerman nell’intervista concessa a Vanity Fair.

 




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods