Web Analytics Dillo con i fiori di Bach - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

27 luglio 2014

Dillo con i fiori di Bach

Ognuno dei 38 Fiori di Bach può rappresentare la soluzione a problemi e stati d'animo nostri o delle persone che abbiamo accanto

fiori di Bach

Il dottor Edward Bach negli anni ’30, durante le sue passeggiate in campagna, notò che il suo stato d’animo veniva influenzato dai fiori e dalle piante che incontrava, riuscendo a capire che bastavano 38 diverse specie di piante a racchiudere l’intero complesso delle emozioni umane.

Scoprì inoltre che, lasciando galleggiare i fiori in una bacinella di vetro colma d’acqua ed esposta alla luce, l’essenza curativa dei fiori passava nell’acqua. Tra le 38 differenti specie dei fiori che prendono il nome dallo studioso, c’è certamente anche quella che più fa al caso vostro o di chi vi sta vicino. Ciascuna con peculiarità diverse, efficace contro problemi e stati d’animo di ogni genere.

Tra queste, l’Agrimonia, ad esempio, appartiene alla famiglia delle rosacee e fiorisce da maggio a settembre. È formidabile nel trattamento dell’ansia. Donarla a persone costantemente inquiete e agitate, permette di dare loro sollievo e pace.

Lo Scleranthus fiorisce da giugno a ottobre. Questa pianta deve il suo nome ai suoi fiori ruvidi (dal greco skleros, duro e anthos, fiore). È un trattamento contro l’indecisione, l’incertezza, la difficoltà nello scegliere e gli sbalzi di umore.

Il Beech appartiene invece alla famiglia delle fagacee e fiorisce in aprile e maggio. È essenziale nel trattamento di chi è sempre ipercritico e intollerante verso gli altri.

Il Cerato fa parte della famiglia delle Plumbaginacee e fiorisce da maggio a luglio. Originario del Tibet, è essenziale nel trattamento di persone esitanti e dubbiose, insicure, continuamente bisognose di rassicurazioni.

Diversamente, la Water Violet, della famiglia delle Primulacee, fiorisce da marzo a giugno ed è adatta a chi conduce una vita riservata, indipendente, isolata perché ha difficoltà a entrare in relazione con gli altri.

Il Chestnut Bud appartiene alla famiglia delle Ippocastanacee e fiorisce in aprile e maggio. È un rimedio per le persone che non riescono a imparare nulla dalle lezioni della vita e tendono a commettere ripetutamente gli stessi errori, per mancanza di osservazione, indifferenza e fretta.

Qual è il fiore di Bach che fa al caso vostro?

 

 




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods