Web Analytics Natale 2017: tutte le novità sui mercatini più belli e caratteristici d'Europa. - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

22 novembre 2017

Natale 2017: tutte le novità sui mercatini più belli e caratteristici d’Europa.

Dal 1434 ad oggi, la vera atmosfera del Natale si respira qui.

mercatino

Nel 1434, nel cuore di Dresda, Federico II autorizzò i commercianti a vendere carne sulle bancarelle, un giorno a settimana. Fu un successo tale che dopo la carne cominciarono a vendere pane e dolci, e da lì all’artigianato il passo è stato breve perché questo diventasse un appuntamento fisso durante le feste.

Altrettanto breve perché molti altri seguissero lo stesso esempio dando vita a a una tradizione secolare che ormai abbraccia tutta l’Europa con città che fanno a gara a chi propone il Mercatino di Natale più originale. E sono uno più bello dell’altro, perché scegliere qui i regali è sempre più divertente, perché tra le casette colorate che profumano di cannella e dolci appena sfornati si respira davvero la magia delle feste.

BRESSANONE
A Natale Bressanone ospita anche uno dei mercatini più belli dell’Alto Adige: casette in legno, con la regola che ogni singolo oggetto in vendita sia realizzato con materiali naturali. Quest’anno il mercatino compie 25 anni e si festeggia con effetti speciali, con lo spettacolo di luci e suoni. Per la prima volta in Italia sarà ospitato dal Palazzo Vescovile “Il sogno di Soliman”, opera della compagnia Spectaculaires.

STRASBURGO
Piccole case in legno e strade di ciottoli: il centro storico è tutto così, e Strasburgo sembra proprio uno di quei villaggi delle fiabe. Ma sotto le feste la magia raddoppia, perché questa è davvero – come amano fregiarsi i francesi – la città del Natale: 300 bancarelle divise per temi che vendono artigianato tipico e dolci. Sono in ogni angolo, cominciando da Place de la Cathédrale e insieme formano il mercatino più antico di Francia.

INNSBRUCK
Nella capitale delle Alpi si passeggia tra ben sei mercatini.  Il cuore è quello del centro storico: ci sono centinaia di bancarelle che vendono decorazioni artigiani, frittelle e vin brulé, tutte intorno intorno all’albero di Natale con 170.500 cristalli Swarovski e vicoli che si trasformano in scenari da fiaba con cantastorie che raccontano leggende. Se volete anche una romantica vista dall’alto, c’è anche un piccolo mercato panoramico a Hungerburg, sopra Innsbruck, che si raggiunge con un impianto di risalita che parte dal centro storico.

LUCERNA
Ponti medioevali, case decorate con affreschi che fanno da cornice a piazze perfette. Lucerna è di per sé una meta romantica, ma a Natale ancora di più. Dal centro che pullula di eventi  – come il Mercato del Bambin Gesù e l’Handcraft Market  –  si parte anche per salire in quota:  in cima al Pilatus, 2132 metri. Qui dal 20 all 22 novembre c’è il Mercatino di Natale più alto d’Europa con oltre quaranta stand e musica. Si può visitare in giornata salendo con la cabinovia da Kriens oppure, per non perdersi il meglio, pernottare all’Hotel Pilatus Kulm.

STOCCOLMA
Antiche fattorie, botteghe artigiane, fienili con gli animali: è tutto come un tempo. Perché Stoccolma è il primo museo all’aperto nel mondo, con case del Settecento, Ottocento e Novecento portate da tutta la Svezia e personaggi che ci vivono in abiti d’epoca. Anche il Natale è vintage, perché per l’occasione si addobba a festa e ospita un mercatino durante il quale gli artigiani sono all’opera con le decorazioni tradizionali, le locande preparano aringhe arrosto e ascoltando i cori natalizi, si balla sotto l’albero.

DRESDA, GERMANIA
Non si può prescindere dalla città sassone, e non solo perché lo Strietzelmarkt è il mercatino di Natale più antico del mondo, ma perché l’atmosfera è davvero molto romantica. Per l’occasione le casette di legno col tettuccio rosso che vendono di stelle di carta e angeli sono sparse in tutta la città, seguendo il tipico assetto medioevale, e si visitano mangiando stollen: il tipico pane con frutta secca e canditi.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods