Web Analytics Tinder: come funziona l'app più "romantica" del momento - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

02 settembre 2014

Tinder: come funziona l’app più “romantica” del momento

L'amore ai tempi della tecnologia, l'arte del rimorchio 2.0

tinder

L’amore, si sa, cambia il modus operandi, ma il risultato è sempre lo stesso. La tecnologia però non smette di metterci lo zampino in questi ultimi anni ed eccoci di nuovo alla presenza di un’app capace di farci trovare l’amore, o almeno così dice.

Tinder, così si chiama la romantica app, nasce nel 2012 da un’università targata USA, precisamente in California. “Che ovvietà!”, direbbe qualcuno. L’app funziona così: si scarica sullo smartphone, ci si connette attraverso il proprio account Facebook (nessun vostro contenuto verrà pubblicato, assicurano) e, una volta effettuato l’accesso, si specifica il proprio sesso, il sesso con cui si ha interesse a interagire, e il raggio massimo in chilometri in cui i potenziali partner devono trovarsi fisicamente.

Fatto ciò, potete scegliere fino a sei fotografie da proporre agli altri utenti e iniziare a scorrere le foto dei vostri ipotetici amori. In più avrete la possibilità di votarli con un cuoricino verde se siete interessati o con una X rossa se invece non lo siete. Se sarete interessati a qualcuno degli utenti che vi avrà votato o ricambiati in caso di vostro voto, vi sarà possibile mettervi in contatto con lui/lei attraverso una chat e via alle danze! A questo punto, toccherà a voi conoscere e farvi conoscere attraverso l’antica danza del corteggiamento, in questo caso fatta inizialmente solo di parole digitate. Quello che succede dopo è solo affar vostro.

In parole povere: Tinder è l’app che vi aiuta a rimorchiare, ma lo fa davvero? In molti ammettono di non aver incontrato le persone contattate su Tinder, non riuscendo a superare l’imbarazzo iniziale. L’app però registra cifre da capogiro: 2 miliardi di incontri virtuali, e più di 850 milioni di swipe al giornoovvero risposte positive o negative generate.

Ad ogni modo, il principio fondatore resta la geolocalizzazione, attraverso la quale si entra in contatto con molteplici utenti vicini, una sorta di speed date 2.0 della nuova generazione.

Buon divertimento e, chissà, magari sarete tra i fortunati che incontrano l’anima gemella…




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods