Web Analytics Colazione da Tiffany: un gatto, un tubino nero e una storia d'amore senza tempo - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

31 luglio 2015

Colazione da Tiffany: un gatto, un tubino nero e una storia d’amore senza tempo

Un'indimenticabile Audry Hepburn in uno dei film che ha fatto la storia del cinema

Colazione da Tiffany

“Vuoi sapere qual è la verità sul tuo conto? Sei una fifona, non hai un briciolo di coraggio, neanche quello semplice e istintivo di riconoscere che a questo mondo ci si innamora, che si deve appartenere a qualcuno, perché questa è la sola maniera di poter essere felici. Tu ti consideri uno spirito libero, un essere selvaggio e temi che qualcuno voglia rinchiuderti in una gabbia. E sai che ti dico? Che la gabbia te la sei già costruita con le tue mani ed è una gabbia dalla quale non uscirai, in qualunque parte del mondo tu cerchi di fuggire, perché non importa dove tu corra, finirai sempre per imbatterti in te stessa”. Così diceva Paul (George Peppard) ad Holly (Audrey Hepburn) per dichiararle il suo amore nel film cult del cinema del ‘900, Colazione da Tiffany.

Quella di Colazione da Tiffany è una storia come tante ma con una protagonista come poche: Audry Hepburn, icona di stile intramontabile, oggi come allora, e personaggio di grande attualità. Romanzata nello stile americano, ma pur sempre la storia di tante ragazze d’oggi che avrebbero bisogno di tante attenzioni dalla persona giusta. Holly, con il suo tubino semplice, la collana di perle, il bocchino nero con gli strass e un gatto come unico amico, ha rappresentato per molte donne una figura forte e indipendente ma che in realtà nascondeva un personalità fragile, sola e impaurita.

Come molte donne dei giorni nostri, nega di essere in cerca di un compagno con cui condividere gioie e dolori, con cui costruire un futuro ma solo per paura di essere delusa. Dentro tutte le ragazze del mondo c’è un po’ di Holly. “Io e il mio gatto siamo due randagi senza nome che non appartengono a nessuno e a cui nessuno appartiene”, dice Holly per giustificare il suo status.

Sogni, speranze, illusioni e realtà, in una fusione di sentimenti felici e sofferenti, fanno ancora oggi della ragazza di New York nascosta dietro ai suoi grandi occhiali scuri, un personaggio intramontabile con una storia che emoziona ed emozionerà sempre.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods