Web Analytics Il "paese perfetto", dove una casa costa solo 15 euro e l'asilo 12 euro. - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

05 ottobre 2017

Il “paese perfetto”, dove una casa costa solo 15 euro e l’asilo 12 euro.

Si trova in Andalusia, e la disoccupazione è da sempre allo 0%.

marinaleda

In Andalusia esiste un paesino dove non c’è disoccupazione e la gente vive di quello che ricava dalla terra. Tutti hanno una casa e per averla pagano un anticipo di 15 euro.

Parliamo di Marinaleda e dei suoi fortunati 2.700 abitanti. A guidarli in una amministrazione responsabile e sociale del territorio è dal 1979 il sindaco Juan Manuel Sánchez Gordillo che favorendo l’occupazione di terreni abbandonati ha permesso a tutta la comunità di lavorare, produrre ed esportare prodotti agricoli grazie alla costituzione della Cooperativa Humar – Marinaleda SCA, creata dagli stessi lavoratori, ed allo sviluppo della distribuzione locale.
A Marinaleda si producono ed esportano (anche da noi in Italia) peperoni, carciofi, legumi e olio d’oliva.

La disoccupazione è allo 0% e tutti i lavoratori, indipendentemente da mansione e responsabilità percepiscono 47 euro al giorno per sei giorni alla settimana.
Il sistema di welfare di Marinaleda permette a tutti i cittadini di costruirsi una casa versando un anticipo di 15 euro, senza il bisogno di chiedere un mutuo o pagare interessi.

Basta mettere a disposizione la propria forza lavoro, al terreno e al progetto ci pensa il comune, mentre il prestito lo fa il governo andaluso, a tasso zero. La quota da versare mese per mese per pagare il debito la decide un’assemblea di cittadini autocostruttori e si aggira intorno alla cifra iniziale, perché quello che si paga sono semplicemente i materiali di costruzione.

Il welfare di Marinaleda offre servizi ben organizzati e a bassissimo costo, tra questi l’asilo a 12 euro al mese e la piscina a 3 euro per tutta l’estate. Alla pulizia del paese si dedica la popolazione nelle cosiddette “domeniche rosse”.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods