Web Analytics I bambini olandesi sono i più felici al mondo: la regola delle 3 R. - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

28 novembre 2017

I bambini olandesi sono i più felici al mondo: la regola delle 3 R.

Passeggiate regolari, giochi di seconda mano e tanta bicicletta.

Figli-felici-col-metodo-olandese-500x330

Secondo un recente rapporto Unicef, i figli degli olandesi sono i più felici al mondo: in un Paese dove l’infanzia significa indipendenza, gioco e pochissimi stress accademici, l’educazione produce bimbi sereni e adolescenti socievoli.
Le differenze con l’Italia sono notevoli: là, i bimbi vanno a scuola da soli in bicicletta e giocano all’aperto senza che nessuno li sorvegli, trascorrono più tempo con i genitori e hanno pochi o zero compiti a casa durante le elementari.

Secondo gli olandesi, i bambini hanno bisogno di passeggiate regolari, come i cani. A quattro anni, i bambini hanno raggiunto l’età in cui può giocare fuori. E fuori non significa soltanto il giardino di casa, ma anche la piazza, le giostrine, i marciapiedi, ma sempre da solo e fuori dalla vista della mamma.

In Olanda i bambini sono abituati ai giochi di seconda mano. Ogni aprile, nel giorno del re, il vrijmarkt allestito al Vondelpark di Amsterdam si trasforma in un gigantesco mercato per i bambini, e lo stesso accade in tutte le città e i villaggi del Paese. I bambini vendono i loro abiti smessi e i vecchi giocattoli e ne comprano di nuovi con il ricavato. È un ottimo modo per insegnare ai piccoli l’arte del baratto, la consapevolezza del valore di un oggetto e la gestione delle risorse. È conveniente ed è rispettoso per l’ambiente.

In Olanda i bambini imparano a star attenti al traffico fin da piccoli. I genitori osservano i figli in attesa che siano loro a dimostrarsi pronti e impazienti di passare al livello successivo. Vale per tutto. La vera crescita si ottiene quando è il bambino a volerla, non il genitore.

Ma è la regola delle 3 R a regnare sui bambini olandesi. Reinheid, rust e regelmaat è il titolo di un libretto scritto da una infermiera olandese nel 1905. Una spiegazione su come accudire un neonato con il minimo dello sforzo. Il messaggio tra le righe è che non sono i neonati ad essere faticosi, ma i genitori a renderli tali. La prima R corrisponde a pulizia – ma non bisogna esserne ossessionati – poi riposo e regolarità. Quindi fondamentale la routine: la prevedibilità è rassicurante.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods