Web Analytics Amicone, sadico, Superman: com'è il vostro boss? - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

21 aprile 2016

Amicone, sadico, Superman: com’è il vostro boss?

Vita da ufficio: ad ognuno il suo capo...

70715

Nella vita lavorativa tutti hanno avuto più di un capo, il boss come si definisce ora. Bravi, professionali, antipatici o dittatori: a tutti, soprattutto nei primi anni di lavoro, è stato dato un soprannome, il più delle volte non certo molto tenero…
Se invece il capo siete voi, sarebbe proprio curioso di sapere a quale categoria appartenete, o come venite definiti dai vostri collaboratori…

C’è il finto amico per la pelle: vuole che tutti gli diano del tu,  sprona continuamente e, cosa che infastidisce parecchio, vuole a tutti i costi essere il vostro confidente anche per le cose extra lavorative. Il do ut des è il suo motto, e non passa molto tempo prima che ci dia incombenze da segretario particolare (trovare un ristorante per la cena, prenotare la revisione dell’auto,…) in cambio di future e alquanto improbabili promozioni. La cosa peggiore è che ti tiene fino a tardi in ufficio non per lavorare, ma per raccontarti quanto è dura la vita del capo…

Il poliglotta è il più simpatico: anche se nato nella provincia più sperduta, parla e si comporta come se la City di Londra fosse da sempre la sua seconda casa. Si fregia di conoscere almeno 3 lingue, ma le uniche parole straniere che sa pronunciare correttamente sono meetingcoffee break e hamburger!
Il capo full time è il vero incubo: dopo averti dato come benefit il telefono aziendale…ti lega per sempre a lui. Chiama a qualsiasi ora del giorno e della notte, anche nel weekend, e i suoi approcci sono sempre gli stessi: ti disturbo solo un attimo…, oppure scusa se è la vigilia di Natale ma se non fosse stato importante..., o ancora lo so che è tardi (beh, le 3 di notte in effetti…non potevi aspettare domani?!) ma ho un’ idea che volevo condividere subito con te.

Il cattivone di turno viene invece definito il sadico: in confronto a lui Hannibal Lecter è un brav’uomo…Non perde occasione per rimarcare i vostri errori, il più delle volte dandovi a sua volta soprannomi ignobili e fastidiosi. La colpa è sempre nostra e mai sua; è pessimista e sgradevole in ogni riunione.
La sua mission principale? Aspettare il momento buono per licenziare qualcuno in malo modo.
Infine può capitare anche qualche Superman. Si comporta come se avesse le stesse caratteristiche di Dio: onnisciente e onnipotente. L’unica differenza è l’onnipresenza: arriva in ufficio verso le 11 e fa pause pranzo di circa 3 ore (condite probabilmente da abbandonati bevute e qualche incontro proibito…).

 




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods