Web Analytics Massimo Bottura: l'alta cucina radicata nella tradizione italiana - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

15 settembre 2014

Massimo Bottura: l’alta cucina radicata nella tradizione italiana

Lavoro, tecnica e amore per la cucina ne fanno uno chef da tre stelle.

Massimo_Bottura

Al 3° posto per il secondo anno tra i 50 miglior ristoranti al mondo c’è l’Osteria Francescana a Modena. Lo chef proprietario di questo splendido locale è Massimo Bottura. Lo chef stellato è molto conosciuto e apprezzato nel mondo dell’alta cucina. Una delle cose che lo caratterizzano è la sua pratica nella cucina molecolare (particolare disciplina che studia la trasformazione di un alimento), conosciuta grazie allo chef Ferran Adrià.

La caratteristiche, tra le tante, di Bottura è quella di unire la tradizione della cucina Italiana all’innovazione. Una continua evoluzione nelle tecniche di cottura e nell’uso degli alimenti. Nascono, così, grandi piatti come il Bollito non Bollito, una ricetta classica con la particolarità di essere cotta sottovuoto. Il grande chef stellato però non ama i termini “tradizionale” o “creativa” abbinati alla cucina, per lui, infatti, è o buona o cattiva.

Soffermandoci sui numerosi riconoscimenti dati a Massimo Bottura e al suo ristorante, non si possono avere dubbi sulla bontà dei suoi piatti. Il menù 2014 del rinomato locale modenese prevede un’esplorazione tra i miglior ingredienti emiliani, oppure un viaggio immaginario dal Piemonte fino a Pantelleria.

L’amore per il gusto, per la bellezza e per l’arte in cucina saltano subito all’occhio: i piatti sembrano dipinti d’idee modellate per far vivere un’esperienza rilassante nel gusto.

 

 

 




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods