Web Analytics La magia del Trenino Rosso del Bernina. - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

10 dicembre 2016

La magia del Trenino Rosso del Bernina.

Un tragitto fiabesco, pieno di sorprese ed emozioni: quando partire e dove fermarsi.

Bernina Express near Bernina Pass, Engadin, canton of Graub¿ºnden, Switzerland, Europe

Con il Trenino Rosso del Bernina vi attende un tragitto all’insegna dello stupore e delle forti emozioni, dai 429 mslm di Tirano alle alte quote dell’Ospizio Bernina (2253 mslm), per poi ridiscendere, facendosi cullare, nella vallata del fiume Inn: l’alta Engadina e la blasonata St.Moritz. Accomodatevi, prendete posto sul vagone, date un’occhiata al tragitto segnato sul tavolo di fianco a voi e tenete a portata di mano l’orario dei treni per eventuali soste o per prevedere le vostre fermate predilette… preparatevi per partire! 

Ma quanto tempo ci vuole per questo mini viaggio? La risposta è che  anche un weekend è troppo poco. L’ideale sarebbe riuscire a programmare almeno tre notti e quattro giorni pieni tra Tirano e la Svizzera.
Ovviamente non tutti hanno un fine settimana lungo a disposizione. E’ anche vero che il Trenino Rosso del Bernina viene spesso proposto come gita di un giorno, il che è sicuramente fattibile visto che l’intera tratta viene coperta in circa due ore. Ma… si gode solo a metà.

Partite dal presupposto che un viaggio a bordo del Bernina Express non è un semplice viaggio in treno. E’ un susseguirsi di sorprese, di emozioni. E’ un’occasione imperdibile di scoprire panorami sempre diversi, angoli di paradiso, scenari fiabeschi che mutano con il mutare delle stagioni e dei giorni e dei minuti. E’ vero, ammirarli dal finestrino vale già di per se il viaggio. Ma toccarli con mano, tuffarcisi dentro può regalarvi davvero un’esperienza indimenticabile.

Se potete, dunque, fate in modo di programmare qualche sosta lungo il percorso e godete fino in fondo di ciò che la natura svizzera ha da offrire. Quali soste fare? Dipende ovviamente dal tempo che avete a disposizione e dalle vostre inclinazioni.

Dove fermarsi lungo il percorso?
Ogni ora parte un trenino rosso da Tirano e uno da St. Moriz. Se non si effettuano fermate intermedie, il viaggio dura circa  2 ore e 30 minuti se si sceglie un treno regionale e 2 ore e 15 minuti circa con un treno panoramico (Bernina Express).
Lungo il percorso ci sono 21 fermate intermedie: a volerle vedere tutte, due settimane forse non basterebbero. Vi consigliamo quindi di sceglierne un paio, a seconda della stagione, del tempo a disposizione e di ciò che più vi piace fare. Ecco qualche suggerimento:

Alp Grum
Alp Grum è una piccola stazione situata a 2091 metri di altezza; molti la descrivono come la fermata più spettacolare della tratta coperta dal Trenino Rosso, grazie al belvedere che si affaccia sul ghiacciaio del Palù e sulla Valle di Poschiavo. Dal finestrino, lo spettacolo era davvero mozzafiato. In inverno, è uno scenario quasi abbagliante. Presso la stazione, trovate un ristorante con terrazza panoramica e una piccola guest house.

Ospizio Bernina
Arrivando in prossimità di questa stazione, sotto il ghiacciaio del Cambrena, il finestrino del Trenino Rosso diventa un prezioso lasciapassare e permette di entrare in un mondo quasi fiabesco: l’incomparabile panorama costituito da due laghi scintillanti. Da un lato, lo scuro Lej Nair, che fluisce verso nord, in direzione del Mar Nero, e dall’alto il lattiginoso Lej Alv o Lago Bianco, appartenente al bacino del Po, che presenta un colore candido poiché è alimentato dalle nevi e dai ghiacciai che si sciolgono e ha un fondale di roccia e sabbia. Anche in inverno, seppur tutto sia ghiacciato, è possibile notare la differenza nei colori. 

Pontresina
E’ una vivace località turistica dell’Engadina: una sosta qui è davvero imperdibile per i bambini. Dalla stazione, infatti, partono delle meravigliose carrozze trainate con i cavalli (che in inverno diventano romantiche slitte), che attraversano la suggestiva Val Roseg, fino al rifugio Roseggletscher, dove è possibile mangiare e anche dormire.

St. Moritz
Non ha bisogno di presentazioni: se amate le cittadine eleganti e cosmopolite, St. Moritz fa per voi. Se la visitate con bambini, non mancate di fare  una sosta alla cioccolateria  Merkur! Se avete tempo, potreste anche organizzare una gita in carrozza sul lago ghiacciato o nel bosco di Staz innevato.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods