Web Analytics Gradara e il suo museo storico - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

25 giugno 2014

Gradara e il suo museo storico

Un salto nel medioevo tra armature e misteriose leggende per rivivere la storia di questo antico borgo italiano

Gradara

Un salto nel Medioevo dantesco e papale, il Medioevo delle battaglie, degli scontri tra casate. Gli anni in cui leggenda e storia si fondono per diventare il ricordo di un tempo che, a Gradara, non è mai passato. Immerso nelle colline marchigiane, Gradara resta uno dei borghi più suggestivi d’Italia. Affascinante e misterioso grazie alla Rocca Malatestiana costruita nel XII secolo. 1.300 metri di mura medievali troneggiano sulla campagna guardando il mare da lontano.

Un grande esempio di architettura medievale che tutti possono ammirare all’esterno e all’interno, grazie al ricco museo medievale. Tanti i percorsi da scoprire dentro la rocca: primo tra tutti quello letterario, dedicato a Paolo e Francesca.

Amor, ch’a nullo amato amar perdona,
mi prese del costui piacer sì forte,
che, come vedi, ancor non m’abbandona.

Amor condusse noi ad una morte.
Caina attende chi a vita ci spense.”
Queste parole da lor ci fuor porte.

Dante Alighieri, Inferno V, 100-108

Così cantava Dante raccontando l’amore adulterino tra i due giovani. Puniti nel girone dei lussuriosi perché caduti in tentazione. Secondo la leggenda, Francesca, moglie del fratello di Paolo Malatesta, Gianciotto, si innamorò di Paolo mentre leggevano il libro della storia d’amore tra Lancillotto e Ginevra. Per questo imperdonabile gesto Gianciotto li uccise proprio nel castello di Gradara. Nella Rocca è possibile visitare la camera di Francesca nella quale si trova anche la botola da cui si pensa Paolo fosse fuggito dopo che Gianciotto li scoprì insieme.

Molto suggestivo anche il percorso delle grotte, nei sotterranei del castello. Ce ne sono ben 16 ma solo una visitabile. Venivano utilizzate per scappare in caso di pericolo o come luoghi di culto bizantino.
Infine il viaggio nel mondo della quotidianità medievale. Abiti, utensili, strumenti di tortura, armature e quadri dell’epoca sono esposti in tutto il castello per rivivere le atmosfere medievali.
Sogno, avventura, storia e arte di un’epoca che sembra a noi lontana ma che a Gradara diventa molto, molto vicina.

Museo Storico di Gradara
Piazza 5 Novembre 8/9, Gradara (PU)




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods