Web Analytics La Biennale di Venezia: guida storico-turistica - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

23 luglio 2014

La Biennale di Venezia: guida storico-turistica

Non solo arte ma anche cinema, teatro, danza e molto altro ancora. Tutto questo è la Biennale. Scopriamone la storia e qualche informazione utile

biennale di venezia

Dal 1835, in Italia, c’è un’istituzione che promuove le tendenze artistiche delle arti contemporanee: la Biennale di Venezia. Un gruppo di intellettuali veneziani dell’epoca, capeggiati dall’allora sindaco Riccardo Selvatico, hanno l’idea di organizzare la prima Esposizione Biennale d’Arte del mondo. L’obiettivo è preciso: stimolare l’attività artistica e far crescere il mercato dell’arte nella città lagunare e nella neo-unificata Italia.

Sostenuta dallo Stato Italiano, l’Esposizione Internazionale d’Arte di Venezia, comunemente ricordata come la Biennale, è un organismo no profit che coordina e promuove una delle più importanti e antiche rassegne d’arte contemporanea al mondo. Come suggerisce il nome, la mostra ha cadenza biennale. Il termine che, in primo luogo, dava solo un’indicazione temporale, ha poi acquisito una valenza più ampia fino a diventare per tutto il mondo sinonimo del grande evento quale è.

Ad oggi, le esposizioni organizzate dall’istituzione spaziano in diversi campi: non solo arte, ma anche Festival internazionale di musica contemporanea, Mostra internazionale d’arte cinematografica, Festival internazionale del teatro, Mostra internazionale di architettura e Festival internazionale di danza contemporanea. Inoltre, nel parco scientifico e tecnologico VEGA di Porto Marghera è presente la sede dell’Archivio Storico delle Arti Contemporanee (ASAC).

Per dare maggiore spazio all’arte di tutto il mondo, negli anni sono stati costruiti vari padiglioni. La sede più importante è quella dell’Arsenale, uno spazio di 14.000 metri quadrati coperti e altri 32.000 scoperti. Nell’ultima edizione del 2013, la mostra seguiva un percorso unico dal Padiglione Centrale, negli spazi dei Giardini, fino all’Arsenale.

Lo spazio dell’Arsenale è raggiungibile dalle linee dell’ACTV numero 1 e 4.1. Per I Giardini, invece, si può prendere la linea 1, o la 2, oppure la 4.1, 5.1 e 6. Il biglietto è valido per un solo ingresso in ciascuna sede e la distanza tra i Giardini e l’Arsenale è di soli 15 minuti a piedi. I nostri amici a quattro zampe, se di piccola taglia, sono ammessi nell’area verde dei Giardini.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods