Web Analytics Moleskine: il taccuino che ha fatto la storia - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

24 settembre 2014

Moleskine: il taccuino che ha fatto la storia

Ispirato ai taccuini dei grandi artisti, la Moleskine è da anni al servizio della creatività

Uno dei taccuini Moleskine

Immaginate di essere un pittore, un artista, uno scrittore in giro per le strade di Parigi. Nessuna impressione può sfuggirvi e avete bisogno di tenere sempre con voi un piccolo quaderno su cui appuntare qualche riga, una nuova poesia, lo schizzo di un’immagine improvvisa nella vostra mente, il ritratto di una bella donna. Ecco perché artisti come Picasso, o scrittori come Hemingway non riuscivano a separarsi dai quei piccoli ed anonimi quadernetti neri, comodi da portare in tasca. Questi essenziali quaderni hanno ispirato, negli anni Novanta la piccola casa editrice Modo&Modo che ha deciso di ridargli vita, producendo su questo modello un nuovo taccuino destinato alla storia: parliamo della leggendaria Moleskine. Ma facciamo un passo indietro.

Per un secolo un’azienda familiare di Tours produceva questi piccoli compagni di viaggio degli artisti, fornendo tutte le cartolerie parigine da loro frequentate. Tra i maggiori “fan” vi era lo scrittore britannico Bruce Chatwin, instancabile viaggiatore, che in ogni viaggio portava con se i suoi quaderni prediletti, di cui parla all’interno del romanzo Le vie dei canti. Il momento peggiore della storia è, sicuramente, quello in cui nel 1986 gli viene annunciato dalla sua cartolaia di fiducia che l’azienda produttrice è oramai fallita, e che, quindi, non sarà più possibile acquistare altri supporti per i suoi racconti; possiamo solo immaginare la disperazione che colse Chatwin, che, ovviamente, acquistò tutti quelli che erano rimasti in negozio.
Lo scrittore fu il primo ad utilizzare il nome moleskine riferendosi ai quaderni e l’azienda milanese che decise di riprodurli nel 1997 gli rese in questo modo omaggio, facendo ritornare il vita la passione di molti artisti. In oltre, da quando è sul mercato, Moleskine ha anche dato vita al Premio Chatwin per la letteratura, i video e le foto di viaggio.

Un oggetto al servizio della creatività che continua tutt’oggi ad ispirare milioni di artisti e creativi che si servono delle meravigliose pagine color avorio per schizzi e bozzetti o per appuntare i propri pensieri. Oggi Moleskine realizza anche altri prodotti; dalle borse alle matite fino alle cover per ereader, ogni oggetto è realizzato pensandolo in movimento. Non sappiamo, di preciso, come potessero essere i quadernetti francesi dalla copertina nera, ma è sicuro che l’azienda milanese ha saputo ricreare e mantenere vivo l’elemento che da sempre gli ha dato successo.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods