Web Analytics "Dopotutto, domani è un altro giorno": gli 80 anni di Via col vento. - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

03 maggio 2017

“Dopotutto, domani è un altro giorno”: gli 80 anni di Via col vento.

Premio Pulitzer per l'autrice Margaret Mitchell, che in vita sua scrisse soltanto questo romanzo.

via-col-vento-romanzo-copertina-italiana

Scritto in lingua originale nel 1936, con il titolo “Gone with the wind“, il romanzo arriva in Italia l’anno successivo. Ma l’Italia non fu l’unico Paese a restare affascinato dalla penna della Mitchell: ben 30 milioni le copie vendute in oltre 42 Paesi con 38 traduzioni. Solo nelle prime 4 settimane vennero acquistate 180 mila copie, salite ad un milione sei mesi più tardi e resistendo in vetta alle classifiche per i due anni successivi.
Nel 1937 arriva anche il premio Pulitzer per Margaret Mitchell, che in vita sua scrisse soltanto questo romanzo.

Sono trascorsi 80 anni dalla pubblicazione di “Via col vento”. Pochi, se si guardano oggi le immagini del film che rese immortali i personaggi narrati da Margaret Mitchell: un altro mondo, lontano, fatto di Storia e passione che s’intrecciano inesorabilmente, edulcorato, in cui amore e morte vanno di pari passo, tragico, ma pur sempre affascinante. Una storia mitica e romantica che copre come un velo, ma la lascia intravedere, l’epoca storica di cambiamento che travolge i personaggi. Ottant’anni sembrano davvero pochi: eppure appena nel 1936 la Mitchell scriveva e pubblicava il suo unico romanzo, che di lì a qualche anno sarebbe divenuto immortale nei volti di Vivien Leigh e Clark Gable.

Molti ricordano la storia, quasi tutti conoscono le parole pronunciate da Rossella O’Hara alla fine del romanzo: “Dopotutto, domani è un altro giorno“. Come se il libro, dopo aver raccontato grandi amori falliti, i matrimoni di convenienza e la morte, il tutto sullo sfondo della sconfitta sudista durante la Guerra di Secessione, non si concludesse, ma restasse aperto. Un romanzo sentimentale a sfondo storico atipico per l’epoca: la grande forza di “Via col vento” sta proprio negli eroi che in fin dei conti si dimostrano uomini bassi, e nelle eroine che, se per tutto il romanzo sembrano prendere di volta in volta la strada che le porterà alla rovina, alla fine maturano, e hanno la forza di dire che “domani è un altro giorno”.

Il romanzo inizia un pomeriggio d’aprile del 1861 a Tara, una piantagione di cotone nella Contea di Clayton vicino ad Atlanta, nello stato della Georgia. Rossella O’Hara è l’indomita e viziata figlia sedicenne di Gerald O’Hara, un ricco proprietario terriero di origine irlandese. Il nome della protagonista, nella versione inglese, è Scarlett: rossa, come il sangue. Quasi un presagio di quello che le accadrà intorno.

 




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods