Web Analytics Con ironia e candore: la vita e i libri di Giorgio Faletti - The Mood Post

Per migliorare la tua esperienza utilizziamo i cookie. Continuando a utilizzare questo sito, accetti di utilizzare i cookie su The MoodPost. Cookie Policy.X

15 luglio 2014

Con ironia e candore: la vita e i libri di Giorgio Faletti

Vita e successi di una grande personalità poliedrica. Attore, scrittore, comico, cantante, ecco tutte le sue mille sfaccettature

Giorgio Faletti

“La vita è fatta di separazioni ma la cosa peggiore è non avere l’attimo giusto per dirsi addio!”. Se ne è andato così, senza alcun preavviso, senza che nemmeno ce ne rendessimo conto. Il web è impazzito perché pensava ad un fake, ma quando anche le agenzie nazionali hanno confermato la notizia, per molti è stato un trauma. Giorgio Faletti  (Asti, 25 novembre 1950 – Torino, 4 luglio 2014) nella sua vita ne ha fatte di cose: è partito con una laurea in giurisprudenza e poi si è ritrovato a fare tutt’altro, ovvero il comico, il cabarettista, l’attore, il cantautore, lo scrittore e, in ognuno di questi lavori, ci ha messo sempre il cuore ed è per questo che ha accumulato un successo dopo l’altro.

La naturalezza e il candore con cui faceva sorridere attraverso i suoi personaggi in Drive In resteranno immortali nei ricordi di chi ha vissuto negli anni ’80, ad esempio. Ma la vera rivelazione è iniziata quando ha cominciato a scrivere e a fare il cantautore, riuscendo nel 1994 a piazzarsi al secondo posto a Sanremo, e ha lasciato tutti letteralmente senza parole quando ha pubblicato il suo primo libro Io uccido, best seller del 2002, che ha ottenuto anche ottimi giudizi dalla critica. Nel 2004 è stata la volta di Niente di vero tranne gli occhi, altro grande successo, e nel 2006 quella di Fuori da un evidente destino.

Nel frattempo si è dato anche al cinema con Notte prima degli esami 1 e 2, Cemento armatoBaaria. Ha interpretato tre ruoli molto diversi: nel primo ha vestito i panni di un professore alle prese con studenti in preda alle crisi per l’esame di maturità, nel secondo è stato un boss malavitoso senza scrupoli e nel terzo è stato invece un personaggio pittoresco d’altri tempi.

Nella sua carriera ha incassato premi su premi in ambito letterario fino a scrivere sceneggiature per film. Ma cominciavano già a farsi sentire i problemi di salute, fino ad arrivare al 4 luglio scorso, quando un tumore ai polmoni lo ha stroncato all’età di 63 anni.

Lascia un grande vuoto nelle vite di chi lo ha amato, non solo della sua famiglia ma anche di tutti i suoi fan che da sempre lo hanno seguito nella sua crescita umana e professionale.

A lui va anche il nostro saluto.

Ciao Giorgio.




Commenti

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


hot moods